fbpx

Perché un’impresa di pulizie deve fare marketing? La strategia con il Business Cleaning Report

Oggi le aziende non possono più sbagliare nel fare attività di promozione e acquisizione clienti. Il digital cleaning report è il primo strumento di analisi in Italia per imprese di pulizie. Dedicato esclusivamente per costruire una corretta strategia di marketing e pianificare le attività in base al budget di cui l’azienda dispone.  

Cosa non è marketing.

“Non mi importa un bel niente del marketing, non serve a nulla!” Questa è la risposta che ho ricevuto ieri, in una chiacchierata con Enzo, un titolare di una media impresa di pulizie. 

È davvero così, nel settore delle pulizie, non serve a nulla fare marketing?

A dire il vero la chiacchierata non si è conclusa così. Abbiamo parlato per tre ore. Enzo aveva un’idea distorta del marketing. Per lui voleva dire fare pubblicità sui giornali. 

Il marketing non è fare pubblicità su riviste, suonare i campanelli, volantinaggio. Non è nemmeno fare un bel sito internet,  telemarketing o fare inserzioni a pagamento sulle piattaforme social o motori di ricerca. 

Tutte queste sono possibili azioni che derivano da un’attenta analisi. Impostare e fare azioni di marketing fatte bene richiede tempo e soprattutto una strategia che pianifichi le attività e verifichi i risultati ottenuti. 

Ogni attività che compi deve essere verificata. Il dato che ne ricavi (positivo o negativo) è fondamentale per focalizzare e rendere profittevole la tua strategia di marketing. 

 

Il marketing nelle pulizie professionali.

Per un’impresa di pulizie, fare marketing, vuol dire dedicare il 90% del tempo a pianificare. Solo il 10% delle attività saranno azioni visibili e concrete con sistemi tradizionali o tramite piattaforme digitali. 

Scegliere il tipo di attività non è casuale, deriva dall’attenta analisi della nicchia di mercato delle pulizie, dei competitor e del potenziale cliente. Fare azioni a caso, oggi non ha senso: oltre alla dispersione di energie e tempo, sono soldi buttati via. 

Il marketing per le imprese di pulizie ha una triplice valenza:

  1. generare nuovi contatti;
  2. fidelizzare i clienti;
  3. comunicare il valore delle pulizie. 
Le imprese di pulizie che fanno il salto di qualità sono quelle che investono in marketing e comunicazione nel modo giusto. È un’opportunità da non perdere, è un’occasione che può cambiarti la vita e il fatturato.

Per aiutarti  ti metto qui il mio schema che utilizzo quando inizio a lavorare su una strategia di marketing:

CONTESTO

Come posizionarti con il tuo servizio di pulizia.

  • Il mercato delle pulizie che periodo sta attraversando? 
  • Qual è il servizio specifico che vorresti proporre?
  • Da quanto tempo esiste questo servizio sul mercato?
  • Ci sono aziende o persone disposte a comprare il tuo determinato servizio?
  • Quali sono i tuoi concorrenti nella zona dove vuoi operare?
  • Quali dinamiche caratterizzano il servizio che vuoi proporre?
  • A quali valori è associato il tuo specifico servizio di pulizie e come vengono accolti dal pubblico?
  • Quali sono i competitor nella mente del cliente che offrono un’alternativa valida alla tua offerta?

OBIETTIVI

L’elemento decisionale di acquisto da parte del cliente.

  • Quali sono gli elementi di unicità del tuo servizio di pulizie?
  • Hai fatto delle attività in cui si riconosce la tua autorevolezza?
  • Il tuo messaggio genera fiducia? 
  • Ci sono dubbi che tengono a distanza i tuoi clienti?
  • Con il tuo servizio riesci a creare una fidelizzazione con il cliente?
  • Come fa il cliente a percepire il tuo valore, come glielo comunichi?
  • Dove puoi raggiungere il tuo cliente con le tue comunicazioni? 
  • Come interpreta il cliente la tua offerta?
  • Il cliente cerca e vuole ciò che stai offrendo? 

PUBBLICO

Come raggiungere il tuo cliente.

  • Il tuo cliente è consapevole del valore che gli stai offrendo con il tuo servizio di pulizie?
  • Quanto conosce delle pulizie professionali e del servizio specifico che offri?
  • Ha esperienze con altre imprese di pulizie?
  • Riconosce la ricaduta positiva nella sua azienda di un servizio di pulizia di qualità?
  • Quali sono le paure del cliente nello scegliere la tua impresa?
  • Quali sono i suoi dubbi?
  • Quali sono i bisogni a cui cerca risposta?
  • Quali sono i suoi parametri di soddisfazione? 
  • Come misura la qualità delle pulizie il tuo cliente?

Iniziare nel modo giusto.

Sul marketing non si scherza: o lo fai fatto bene o è meglio che lasci perdere. È un’attività che sta diventando sempre più fondamentale per le imprese di pulizie.  

Se devi iniziare da zero o dare una svolta alla tua attività di marketing, fallo nel miglior modo possibile. L’investimento che vai a fare deve farti pensare. Nel senso che deve essere impegnativo, è parte importante della tua azienda. Non parlo solo di soldi ma di tempo e di energie. 

Fin da subito, dopo una prima analisi devi essere a conoscenza dei costi e delle energie che devi impiegare per sostenere un piano di marketing fatto bene. 

Farti fare il sito, gestire i social, fare delle attività a spot senza misurare e analizzare i risultati, non è la strada giusta. Se trovi quello che te lo fa a buon prezzo, lascia perdere. Oltre a spendere soldi, sprechi tempo e perdi di competitività. 

Devi affidarti a persone che hanno uno sguardo complessivo della tua realtà aziendale, che si immergono nella tua impresa di pulizie e ti aiutano a costruire la strategia di marketing che fa per te. 

 

Il Business Cleaning Report.

È un strumento che coinvolge più professionisti esperti in settori specifici del marketing, per offrire un servizio concreto per porre le basi di una solida strategia di marketing. 

Ogni impresa di pulizie deve avere il suo piano di marketing personalizzato, non un copia e incolla di competitor o simili. Il digital cleaning report è un lavoro di studio, pianificazione e verifica della tua realtà. 

Come viene strutturato il lavoro inizialmente? 

1. Analisi della situazione attuale della tua impresa di pulizie.

  • Questionario per la raccolta dei dati.
  • Posizionamento motori di ricerca.
  • Posizionamento sulla tua zona geografica di attività. 
  • Posizionamento canali social. 
  • Posizionamento sul altri canali e risorse. 
2. Analisi dei competitor.
  • Sito web.
  • Posizionamento motori di ricerca.
  • Posizionamento locale.
  • Posizionamento canali social.
  • Posizionamento sul altri canali e risorse.

3. Analisi del target

  • Verifica dei dati su questionario relativi al target.
  • Dati anagrafici.
  • Preferenze o comportamenti digitali.
  • Struttura progetto di comunicazione e marketing.
  • Consigli sul miglioramento e l’ottimizzazione degli attuali strumenti se ritenuti utili ed efficaci.
  • Progetto ad hoc multicanale che tenga conto di tutti i dati raccolti per comunicare fin da subito con il target nei posti giusti e nel modo giusto.
  • Stima dei costi della strategia. 
 
Per conoscere se il Business Cleaning Report fa per te, compila i campi qui sotto e sarai contattato al più presto. In breve conoscerai se è uno strumento adatto per la tua impresa di pulizie:
Informazioni sul Business Digital Report.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *